Autostima nei bambini - Quali sono i tre errori da evitare

Autostima nei bambini - Quali sono i tre errori da evitare

a cura di: Veronica Remordina
16/04/2018



Tutti i genitori desiderano che i loro figli sviluppino una buona e sana autostima, perché ormai è risaputo, nutrire una buona e sana stima di sè apre le porte alla soddisfazione e alla felicità personale. L’autostima è uno dei pilastri su cui si fonda la motivazione del fare e dell’agire, che sappiamo sono pura energia per il benessere. I bambini dotati di una sana autostima, in generale, vantano maggiore successo scolastico, hanno minori problemi comportamentali e soffrono in misura minore di depressione. 

Ma quindi cos’è l’autostima?

L’autostima può essere definita come l’opinione che una persona ha su stessa, sul suo valore, sul definirsi un essere degno di considerazione, riguarda anche la fiducia sulle proprie potenzialità e quindi sulla riuscita personale. E’ la stima del valore che ognuno dà a sé stesso. Ciò viene spesso confuso con il valore dato dal mondo esterno, dai giudizi, dalle opinioni delle altre persone. Nulla di più sbagliato, l’ AUTO – STIMA, proprio come suggerisce la parola, proviene da sé stessi, ed è rivolta a stessi. L’autostima che una persona nutre nei propri confronti può variare col tempo, ciò significa che in qualsiasi momento della propria vita essa può essere arricchita e nutrita.

Come si sviluppa l’autostima nei bambini?

Il modo migliore affinchè un bambino nutra una buona stima di sé, è quello di accumulare esperienze, e a seguito di queste esperienze di accumulare successi, e a seguito di questi successi di voler agire ancora e ancora andando a costruire l’idea di essere una persona efficace e di valore.

È infatti grazie all’esperienza che un bambino mette in gioco le sue forze e, vittoria dopo vittoria, trae soddisfazione dalle sue riuscite e inizia a considerarsi una persona di valore. A differenza di quanto spesso si creda, non è tanto il ripetere ad un bambino quanto è bello, bravo e intelligente a nutrire la sua autostima, quanto invece concedergli la libertà di agire e di fare le sue esperienze in piena autonomia. Perché ogni piccolo successo, per un bambino, lascia un segno emotivo molto forte in lui, che lo spinge ad essere aperto e curioso verso il mondo e a mettersi in gioco cercando nuovi successi. Raggiungere le sue piccole e grandi mete, non fa altro che nutrire la sua autostima personale. In questo ci aveva visto giusto Maria Montessori, che ancora prima dei numerosi studi scientifici sull’argomento aveva applicato questo approccio con i suoi bambini. Avere una buona e sana autostima rende i bambini più sorridenti e felici, li rende più sicuri nelle loro azioni, li mette nella condizione di affrontare con coraggio le sfide quotidiane, di scegliere in autonomia e  di assecondare le loro passioni, di sentirsi più autonomi da un punto di vista comportamentale ed emotivo.

Ecco allora 3 comportamenti da evitare se vuoi che tuo figlio sviluppi una buona e sana autostima:

Se lo stai facendo, smettila di sottolineare ogni suo errore!

Mettiti nei suoi panni, nessuna persona amerebbe sentirsi ripresa per ogni errore che commette. Sottolineare continuamente i suoi errori non fa altro che nuocere alla sua autostima, perché gli errori evidenziati, dalle persone a cui vuole più bene, lo mettono in stress. Il modo migliore per spronarlo in maniera adeguata è quello di utilizzare feedback utili ed efficaci (ne parlo in questo articolo).

Stop ai sensi di colpa!

Quando un bambino fa qualcosa che viene reputato sbagliato, a volte, si fa leva sul suo senso di colpa con frasi del tipo: “così mi rovini l’esistenza”, “per colpa tua è successo…”, “mi farai impazzire”, “hai fatto piangere tuo fratello”. Il senso di colpa, ancora vivo nella nostra società attuale, è in realtà un retaggio che viene dal passato e dal mondo religioso. Purtroppo educare facendo leva sul senso di colpa, dà l’illusione di ottenere facili risultati nel breve termine, in realtà il rovescio della medaglia è che mina profondamente la stima che un bambino ha su di sé.

Evita di reprimerlo in pubblico o davanti ai suoi amici

Ricevere rimproveri pubblici fa sperimentare un forte senso di umiliazione da parte dei bambini, e questo non fa altro che bloccare le loro azioni sul nascere. Se un bambino è convinto che di fronte ad una sua sconfitta o ad un suo errore il genitore possa dirgli qualcosa pubblicamente, è più probabile che quel bambino eviti di mettersi in gioco e di agire. E come ho detto in precedenza l’azione è l’energia che muove il motore dell’autostima.


Veronica Remordina - Founder and Creator of MetodoCCA and parentcoaching.it - PNL Master Pract - Psychologist - Trainer


Ecco un corso che ti potrebbe interessare! Vai sulla home e scopri di cosa si tratta, oppure iscriviti mandando una mail a info@parentcoaching.it






Veronica Remordina profilo

Veronica Remordina è Parent Coach Professionista e PNL Master Practitioner (certificazioni conseguite presso NLP Italy Coaching School), ha una laurea specialistica in Psicologia (titolo conseguito presso l’università degli studi di Pavia). E’ ideatrice e creatrice del Metodo CCA, l’unico metodo che integra le migliori tecniche del Coaching, con le più autorevoli conoscenze Psicologiche e le più efficaci tecniche di PNL nell’ambito del Parent Coaching.