Basta capricci per uscire di casa!

Basta capricci per uscire di casa!

a cura di: Veronica Remordina
16/01/2018


La scena è questa: è mattina, ovviamente è già tardi, tuo figlio è ancora a letto e non vuole sentire ragioni, a colazione si lamenta perché vuole i cereali che tu non hai, si è calmato e si è lavato, ma, ha deciso che vuole indossare a tutti i costi la maglietta del giorno precedente che ovviamente è da lavare, le scarpe che ha sempre indossato, oggi sono più strette degli altri giorni, corre ovunque per casa, è inverno e si rifiuta di mettere la giacca, inizia a fare i capricci un secondo prima di uscire di casa, rotola a terra o si impunta e tu capisci che con grande probabilità farete tardi entrambi. Quando la mattina comincia con il piede sbagliato lascia uno strascico di stress che ha il potere di influenzare lo stato d’animo di tutta la giornata. Ti ci rivedi? Ti suona familiare?

Perché i bambini fanno i capricci prima di uscire di casa?

Una prima motivazione, di questi comportamenti, è da ricercarsi nella separazione dalla figura di accudimento. Più un bambino è piccolo e più le coccole, il contatto e la relazione con il suo caregiver rappresentano per lui il carburante che lo aiuta ad affrontare serenamente tutta la giornata, in assenza di questo carburante si crea un vuoto che il bambino, da solo, non sa come colmare e di conseguenza può esprimere il suo disagio attraverso i capricci. E’ un po’ come se gli abbracci, l’accudimento e le coccole di prima mattina diventassero energia vitale a cui attingere nel corso di tutta la giornata: alcuni bambini hanno letteralmente bisogno di sentirsi “carichi” di amore della loro mamma o del loro papà, prima di potersi rivolgere con serenità alle attività della giornata. A volte basta veramente poco: una coccola assieme nel lettone, stare in braccio qualche istante, sedersi a tavola e dedicarsi del tempo di qualità, a volte invece alcuni bambini hanno bisogno di più tempo e quindi di coccole e abbracci prolungati. Se stai pensando che questi siano vizi, ti posso assicurare che quella dei vizi è una delle più grandi e dannose convinzioni mai creata e diffusa nell’ambito della genitorialità: i bambini hanno bisogno di contatto e di relazione per natura. In passato è stato dimostrato che i neonati che crescevano negli istituti o negli orfanatrofi e che venivano privati delle coccole e del calore umano morivano o crescevano con disturbi comportamentali alquanto gravi. Ovviamente questo non è il tuo caso, ma se anche solo lontanamente credi che la necessità di contatto sia il motivo dei capricci di tuo figlio, dedicagli un momento prima dell’uscita di casa. Come ti ho spiegato poco fa, il calore di un abbraccio o di una coccola di prima mattina ha il potere di calmare molti bambini che escono di casa più sereni e più tranquilli, e che vivono con più serenità anche il distacco per entrare in classe all’asilo o a scuola.

Un altro motivo per cui tanti bambini fanno i capricci prima di uscire di casa, risiede in un altro tipo di bisogno che si manifesta già a partire dai 2 anni e che accompagna un po’ tutto lo sviluppo dei bambini se pur in misura diversa per ogni età: la necessità di autonomia. Eh sì hai capito bene, in ogni fase di sviluppo i bambini manifestano il bisogno di eseguire azioni da soli: quando ad esempio vogliono decidere in autonomia come vestirsi, vogliono scegliere o preparare da soli la colazione che gli piace, vogliono fare e agire a modo loro. Molto spesso, quando al mattino i tempi sono ristretti e sembra di vivere in un frullatore, l’ideale sarebbe che tutte le attività si scandissero e si susseguissero una dopo l’altra senza intoppi, la brutta (o bella) notizia è che ciò difficilmente può avverarsi con un bambino, che naturalmente vive la sua esistenza con tempi e necessità del tutto opposte a quelle degli adulti. Ciò che puoi fare per tuo figlio è sicuramente favorire le sue azioni spontanee e autonome, dalla scelta dei vestiti, alla scelta della colazione, il lavarsi da solo… e parallelamente a ciò, fare in modo che le sue azioni si svolgano assecondando i suoi tempi di realizzazione.

Se ti stai chiedendo come puoi trovare il tempo per farvi e coccole e per lasciare a tuo figlio l’autonomia di fare azioni da solo prima di uscire da casa, ti rispondo consigliandoti piccoli stratagemmi: nanna presto, sveglia un po’ prima, abbigliamento già scelto la sera precedentemente, colazione apparecchiata insieme la sera precedente, un pizzico di flessibilità e fantasia, e tanta tantissima pazienza.


Veronica Remordina - Parent Coach


Veronica Remordina profilo

Veronica Remordina è Parent Coach Professionista e PNL Master Practitioner (certificazioni conseguite presso NLP Italy Coaching School), ha una laurea specialistica in Psicologia (titolo conseguito presso l’università degli studi di Pavia). E’ ideatrice e creatrice del Metodo CCA, l’unico metodo che integra le migliori tecniche del Coaching, con le più autorevoli conoscenze Psicologiche e le più efficaci tecniche di PNL nell’ambito del Parent Coaching.