I neuroni a specchio: conosci il cervello per comprendere tuo figlio.

I neuroni a specchio: conosci il cervello per comprendere tuo figlio.

a cura di: Veronica Remordina
04/09/2017



La via per imparare è lunga se si procede per regole, breve ed efficace se si procede per esempi. (Lucio Anneo Seneca)

In pedagogia e in psicologia vi è l’opinione condivisa e fondata secondo cui l’apprendimento sia estremamente facilitato dall’imitazione, e non è necessario essere degli scienziati per accorgersi di quanto sia importante l’esempio che un genitore dà al proprio figlio. Basti pensare alla ripetizione delle espressioni facciali da parte del neonato, alle azioni della vita quotidiana che vengono eseguite tali e quali, o all’imitazione di tecniche sportive specifiche eseguite da un genitore, da un fratello o da un educatore. Ogni volta che un bambino osserva un’azione diretta ad uno scopo, nel suo cervello, si attivano una serie di neuroni, che silenziosamente lo programmano, preparandolo a ripetere la stessa azione subito o più avanti nel tempo. È un po’ come se nel cervello ci fossero degli specchi che riflettono gli obiettivi e le azioni della persona che si sta osservando, e li interiorizzano fino a trasformarli in un’esperienza personale e parallela.

Uno degli aspetti chiari riguardo lo sviluppo delle competenze, è che i bambini e gli adulti costruisco le proprie abilità imitando, prendendo esempio e imparando da altre persone. Un bambino che imita il comportamento del genitore o del suo educatore, non esegue solo passivamente le azioni che ha visto mettere in atto, ma cosa più importante comprende l’azione nel suo insieme, codificando il tipo, i modi e i tempi di realizzazione. In tutto ciò, il ruolo decisivo è giocato dai neuroni a specchio, che costituiscono un meccanismo necessario, per la traduzione dell’azione altrui diretta ad uno scopo in piani motori neurologici, producendoli poi nel proprio corpo (M.H. Immordino-Yang, 2016). Secondo la definizione originale di Giacomo Rizzolatti, lo studioso italiano che li ha scoperti, i neuroni a specchio sono un insieme di neuroni che si attivano sia quando un individuo compie un’azione, sia quando lo stesso individuo osserva quell’azione eseguita da altri. La loro funzione fondamentale, è quella di comprendere le azioni altrui, intuendone intimamente lo scopo grazie all’attivazione delle stesse aree cerebrali che si attiverebbero se l’azione venisse messa in atto realmente.  Ciò che veramente affascina, è che tale processo è la base dell’imitazione, degli apprendimenti sociali e dello sviluppo dell’empatia. Dalla montagna di studi che sono stati fatti nell’ultimo ventennio, è emerso che vi sono due condizioni necessarie per l’attivazione dei neuroni a specchio: la prima è che il contesto socioculturale delle due persone sia condiviso e la seconda è che l’azione sia sempre diretta ad un obiettivo.

Come puoi, quindi, sfruttare al meglio le potenzialità dei neuroni a specchio, per insegnare a tuo figlio un’azione o una tecnica nuova attraverso il tuo esempio?

Chiarisci sempre, e subito, qual è l’obiettivo dell’azione o della tecnica;

Mostra l’azione o la tecnica dall’inizio alla fine, possibilmente senza frammentarla;

Attua l’azione o la tecnica con la sua velocità reale (per intenderci evita di rallentarla o di velocizzarla);

Se ti è possibile, fai in modo che l’azione o la tecnica sia appresa dalla stessa angolazione da cui poi tuo figlio la ripeterà.

Veronica Remordina


Veronica Remordina profilo

Veronica Remordina è Parent Coach Professionista e PNL Master Practitioner (certificazioni conseguite presso NLP Italy Coaching School), ha una laurea specialistica in Psicologia (titolo conseguito presso l’università degli studi di Pavia). E’ ideatrice e creatrice del Metodo CCA, l’unico metodo che integra le migliori tecniche del Coaching, con le più autorevoli conoscenze Psicologiche e le più efficaci tecniche di PNL nell’ambito del Parent Coaching.