BAMBINI E NATALE: ECCO LA FORMULA PER ACQUISTARE IL GIUSTO NUMERO DI REGALI!

BAMBINI E NATALE: ECCO LA FORMULA PER ACQUISTARE IL GIUSTO NUMERO DI REGALI!

a cura di: Veronica Remordina
17/12/2018



Hai un bambino? Quante volte ti sei chiesto quanti e quali regali mettergli sotto l’albero? E come scegliere fra le mille richieste che fa?

Diciamolo, come genitori ci si impegna per dare sempre il meglio e a Natale molti ci mettono l’anima per rendere le feste ancora più magiche con decorazioni, pranzi, cene, momenti di allegria e che lo si voglia o meno per la maggior parte dei bambini il Natale significa anche e soprattutto regali (certo si potrebbe parlare per ore e ore di valori e di consumismo ma qui mi attengo esclusivamente all’aspetto educativo).

Tanti bambini esprimo desideri, altri scrivono la letterina a Babbo Natale e tutti sperano di vivere un momento avvolto di magia. A volte, però, è davvero difficile destreggiarsi fra le mille richieste che i figli fanno e allo stesso tempo nessun genitore vuole deludere il proprio bambino. Ecco perché ho scritto questo nuovo articolo per Parent Coaching, partendo da questa domanda: “quanti regali è giusto fare ad un bambino per Natale?"

Qui, con ragionevole certezza posso dirti che non esiste una risposta universale! Per alcune famiglie potrebbero essere 4 regali, per altre famiglie 10, per altre ancora potrebbe essere un regalo unico ma d’effetto o di valore. E benchè non ci sia una sola linea guida, ecco per te la mia indicazione:

SODDISFA IL 100% DEI BISOGNI DI TUO FIGLIO;

SODDISFA IL 50% DEI DESIDERI DI TUO FIGLIO.

Cosa significa soddisfare il 100% dei suoi bisogni? Se tuo figlio per Natale chiede di poter avere le scarpette da calcio perché le sue si sono consumate, allora questo è un bisogno, se chiede il tablet perché a scuola è necessario portarlo, anche questo è un bisogno, se per crescita non ha più vestiti, regalargli l’abbigliamento che gli piace va a soddisfare un bisogno.

Soddisfare i bisogni non significa pensare esclusivamente a strumenti o beni di utilità (vestiti, creme, tecnologia, libri), significa anche valutare quali sono i giochi o le attività che il bambino ha chiesto con più forza e valutare cosa c’è di sottostante a queste richieste! Ti faccio un esempio: hai un bambino che vuole un particolare giocattolo perché a scuola tutti i bambini ce l’hanno e lui non vuole sentirsi da meno o escluso dal gruppo dei pari? Prendergli quel giocattolo soddisfa senza ombra di dubbio un suo bisogno, e se stai pensando: “ma dov’è l’identità? L’unicità? La distinzione?” Ti do ragione, soddisfare il bisogno di appartenenza o di auto-realizzazione attraverso un giocattolo non è la via migliore, sicuramente c’è un lavoro più ampio da portare avanti durante tutto l’anno magari con un percorso di Parent Coaching e di Consulenze, ma qui parliamo di Natale, un periodo in cui i bambini ripongono le loro magiche speranze e ciò che ti suggerisco è di soddisfare la sua richiesta e di ragionare sul significato dei suoi bisogni in un altro momento.

Cosa significa soddisfare il 50% dei suoi desideri? Se tuo figlio è attratto da qualsiasi giocattolo luminoso e sonoro che vede per negozi e in televisione, e continua ad aggiungere giochi alla sua letterina o alla sua lista dei desideri, quello che ti suggerisco è di soddisfare la metà delle sue richieste dando la precedenza, ovviamente, a ciò che lui vuole più ardentemente (ricordati che nel Natale un bambino ripone inconsciamente le sue speranze e l’ottimismo nei confronti del futuro!). Perché soddisfare il 50% dei suoi desideri? Perché trovo giusto che un bambino che desidera tantissimo qualcosa abbia la possibilità di riceverlo e allo stesso tempo trovo altrettanto giusto che per i giocattoli che non ha ricevuto inizi a pensare ad azioni alternative per averli (e se davvero li desidera, il modo per ottenerli lo trova!). Così, da un punto di vista educativo, lo aiuti a ragionare sulle strategie e sui comportamenti da mettere in atto per ottenere qualcosa: potrebbe utilizzare la persuasione, chiederli per il compleanno, fare dei lavoretti in casa...

 

Cerchi sempre il meglio nella crescita dei tuoi figli? Vuoi pianificare e progettare un’educazione che tenga in considerazione tutte le variabili in gioco? Vuoi essere una guida per tuo figlio?

Il Parent Coaching strategico integrato fa al caso tuo. Mental Coaching, Psicologia e PNL insieme per progettare un percorso di crescita fondato su ciò che davvero conta e che tenga in considerazione le fasi evolutive di tuo figlio.

Vuoi saperne di più? Scrivimi all’indirizzo info@parentcoaching.it

Hai un figlio adolescente? Il Teen Coaching fa al caso suo, svolgo sessioni di  teen coaching, integrate con sessioni di Parent Coaching, indirizzate ai ragazzi dai 13 anni in su.

Veronica Remordina: Teen e Parent Coach – Dott.ssa in Psicologia – Formatrice – creatrice del Metodo CCA e del sito http://www.parentcoaching.it/it/




Photo by Pixabay


Veronica Remordina profilo

Veronica Remordina è Parent Coach Professionista e PNL Master Practitioner (certificazioni conseguite presso NLP Italy Coaching School), ha una laurea specialistica in Psicologia (titolo conseguito presso l’università degli studi di Pavia). E’ ideatrice e creatrice del Metodo CCA, l’unico metodo che integra le migliori tecniche del Coaching, con le più autorevoli conoscenze Psicologiche e le più efficaci tecniche di PNL nell’ambito del Parent Coaching.